Tags: , , , , , | Scritto da alessandro nasini il 7/26/2010 5:01 PM | Comments (0)

Sere fa avevamo voglia di "mare" (e voglia di vacanze) e poca voglia di uscire; si stava talmente bene a casa con la brezza fresca che l'idea di chiuder casa, mettersi le scarpe, prendere la macchina... proprio non c'era.

Nel congelatore, sul lato ittico, poche alternative: o trote (regalo di un amico pescatore) o gamberi. Le trote non si faceva in tempo a scongelarle, abbiamo optato per una padellata di gamberi con riso pilaf. Al momento di dare il via, mi so detto: "ma davvero ho voglia di riso pilaf?" La risposta è stata "no". Ve la faccio breve, che state tutti preparando i bagagli per partire, ecco cosa ho fatto.

I Gamberi li ho ho messi a lessare al vapore (in terrazzo) con la vaporiera. le salse di accompagno che ho preparato sono queste:

Salsa di friggitelli. Ho preso sei friggitelli (i peperoni verdi napoletani), li ho lavati, tolto il gambetto, tolti i semi, messi nel frullatore con olio, sale ed una punta d'aceto.

Salsa di ceci. Ceci bolliti in scatola, ho tolto la pelle (basta strusciarli con le mani), messi nel fullatore con olio, sale ed un goccio d'acqua (serve, sennò viene una purea troppo densa).

Salsa di pomodoro. Pomodori rossi maturi (io avevo dei Sammarzano), tolti i semi, tolta la parte acquosa, frullati con olio e sale.

Salsa guacamole. Mezzo avocado un po' triste che avevo in frigo, olio, sale ed un pochino di erba cipollina fresca (che coltivo in vaso senza riuscire mai ad usarla). Tutto nel frullatore finchè spariscono i grumi. 

Il gamberi li abbiamo mangiati con le mani, come ho fatto in Messico in una bellissima vacanza di qualche anno fa, pucciando il gambero sgusciato nelle varie salse. E accompagnando la cena con birra ghiacciata.

Tags: , , , | Scritto da alessandro nasini il 7/25/2010 7:14 PM | Comments (0)

Il pollo mi piace e a casa ne mangiamo spesso. La qualità del pollo ho imparato a riconoscerla dall'odore, quando è ancora crudo. Da una rapida annusata so dirvi (quasi con certezza) cosa ha mangiato il malcapitato da giovane e che sapore e consistenza avrà da cotto.

Per quasta ragione compro quasi semre il pollo (specialmente i petti di pollo) dallo stesso fornitore, che non è però vicino a casa. L'altra sera ho comprato dei petti di pollo d"emergenza al supermercato vicino casa, già sapendo non sarebbero stati granchè.

Per questa ragione ho deciso di cuocerli facendo il "finto tandori". Quello vero, secondo la ricetta indiana originale, è un piatto prelibato che richiede però una cottura particolare nell'apposito forno in terracotta, che io non ho. La mia variante è molto semplice e richiede solo quattro ingredienti: petti di polllo, olio d'oliva, sale e la salsa tandoori. Io ne ho trovata una molto buona all'Auchan, al reparto esotico, ma potete trovarla già pronta in qualsiasi negozio un po' fornito di alimenti esotici. A meno che non abbiate un palato abituato, prendete sempre la versione "medium" perché quella "hot" è veramente forte.

La preparazione è semplice. Adagiate i petti di pollo su un tagliere uno accanto all'altro (io preferisco tagliarli per lungo a ricavare dei filetti, ma fate secondo il vostro gusto) e spalmate i due lati con una generosa quantità di salsa tandoori. Nella padella ben calda mettete solo un filo d'olio (se siete certi della bontà dell'anti-aderente potete anche evitarlo) e fare cuocere il pollo prima su un lato e poi sull'altro. Salate solo alla fine ed all'ultimo fate "saltare" i petti di pollo per un paio di minuti con un altro filo d'olio.

Accompagnateli con quel che preferite: riso bianco o pilaf, pomodori, insalata, avogado (lega particolarmetne bene). Birra o vino bianco si spiosano altrettanto bene, secondo i vostri gusti.

Tags: , , , | Scritto da alessandro nasini il 7/25/2010 5:43 PM | Comments (0)

Dopo settimane di caldo asfissiante ad ogni ora del giorno e della notte, ieri sera a Roma si respirava con una bella arietta fresca. Il risveglio stamani è stato ancora più gradevole, in casa faceva quasi freschino, e la cosa mi ha mosso una gran voglia di fare i pancakes con lo sciroppo d'acero.

Che io ne sia goloso è cosa nota a chi mi conosce e prepararli per Marina e i bimbi è sempre una festa. Stamani però la festa stava per finire male perchè dopo aver preparato l'impasto con tutti i crismi ho scoperto che la padellina spessa e piatta che uso normalmente era stata pensionata per raggiunti limiti di età. Bel guaio, ho dovuto ripiegare su un'altra antiaderente d'emergenza che aveva il fondo tutt'altro che piatto.

Il risultato? I pancakes sono venuti alti ai bordi e bassi al centro, un po' strani a vedersi ma comunque buoni. Anzi, a dirla tutta, per via della forma, strato dopo strato lo sciroppo si è concentrato nella "depressione" centrale e l'effetto è stato niente male.

Domani comunque ricompro una padellina adatta per la prossima volta.

 

Tags: , , , | Scritto da alessandro nasini il 7/19/2010 6:21 PM | Comments (0)



Ieri sera il frigo non offriva grandi cose ed il pane - per una volta che lo avevamo comprato al supermercato anzichè farlo a casa - era duro come un pezzo di marmo: immangiabile.

L'impasto l'ha fatto Marina con 400 grammi di farina bianca, 50 grammi di farina integrale, acqua, sale, un cucchiaino di zucchero e mezza bustina di lievito. L'ha lavorato come si fa per il pane arabo, cuocendolo poi "a secco" su una padella come fosse una piadina, in mancanza dell'apposita pentola rovescia.

Abbiamo riempito la pita ancora tiepida con pomodori, lattuga (appena colta sul tetto) e tonno sott'olio. Più semplice di così è difficile immaginare un piatto estivo, ma vi assicuro che era buonissimo, specialmente il mio al quale avevo aggiunto appena un po' di aceto balsamico. Il mangiarlo seduti a tavola ma con le mani ha completato la bontà.