Tags: , | Scritto da alessandro nasini il 9/30/2012 7:14 PM | Comments (0)

Le adoro ma le faccio raramente, credo sia perché stanno al supermercato nel banco sbagliato, accanto ad altri prodotti "già pronti" che mi fanno quasi orrore, come i pasati di verdura semi-freschi o il pesto pronto. Questa volta ne ho prese un bel po' e mi ci sono messo d'impegno, perché non è un piatto così semplice da preparare.

Le ho mangiate anche fuori casa, fatte con ricette diverse, vi propongo la mia. Si comincia con il mettere in una padella grande dell'olio d'oliva ed una noce di burro, facendo rosolare le cipolline da entrambi i lati e salandole. A quel punto si spolverizzano le cipolline con zucchero di canna (un tempo lo facevo con quello bianco, ma ho praticamente smesso di usarlo) e si bagnano con aceto rosso.



Si fanno caramellare leggermente e poi si aggiunge dell'acqua calda (diciamo per una metà dell'altezza delle cipolline) e si fanno sobbollire a padella coperta con un coperchio. Questa volta, a dire la verità, mi sono accorto solo all'ultimo di non avere aceto rosso ed ho usato in sostituzione dell'aceto balsamico di quello da supermarket, che è più aceto di vino che balsamico e che a me (i puristi non ascoltino) su alcuni piatti piace.

Il risultato al gusto è stato ottimo, ma le cipolline (lo vedete dalla foto) si sono scurite un pochino troppo. Le ho mangiate con del prosciutto di maiale fatto in padella, acquisto dell'ultimo minuto, che male non ci stava ma rispetto all'arista di maiale che avevo in gola è stato solo un debole palliativo. L'arista sogghignava in frigo, non ancora scongelata a puntino.

 

Tags: , | Scritto da alessandro nasini il 9/14/2012 12:12 PM | Comments (0)

Ci vuole veramente un attimo a prepararli ed è un sugo che non si può sbagliare. Mettete in padella un paio di melanzane nere tagliate a dadini e saltatele con olio, aglio e peperoncino. Aggiungete il pomodoro (della passata andrà benone, correggendo con mezzo cucchiaino di zucchero) solo quando le melanzane saranno ben dorate. Io ci preferisco un buon parmigiano ma le ho fatte anche con della ricotta salata (normale o al peperoncino) e vengono comunque ottime.

Tags: , , | Scritto da alessandro nasini il 9/7/2012 11:48 AM | Comments (0)

Un buon salmone affumicato, patate lesse cotte al vapore con la buccia e condite con un filo d'olio, un nonnulla di sale dolce di cervia e qualche coccia d'aceto balsamico. Un piatto da re.

Tags: , , , | Scritto da alessandro nasini il 9/6/2012 12:43 PM | Comments (0)

Mi erano avanzate delle patate lesse, ma troppo poche per farne un contorno per quattro. Allora ho deciso di farne una tortilla di patate: un po' come quella spagnola, ma con una piccola variante. Si comincia tagliando a cubetti (diciamo circa un centimetro) le patate e rosolandole bene in padella con metà olio d'oliva e metà burro. Si aggiungono sale, pepe e - se vi piace - un cucchiaino di curcuma, che oltre a dare un bel colore giallo carico alle patate aggiungerà un saporino particolare, quasi esotico.

Quando le patate saranno ben rosolate, toglietele dalla padella e mettetele da parte. Le uova vanno sbattute per bene ma senza arrivare a farle "montare", aggiungendo un pizzico di sale, pepe e circa un cucchiaio di latte per ogni uovo.

Per fare la tortilla procedete così: versate circa un terzo delle uova (io ho fatto la tortilla con 10 uova in una padella da 26cm) nella stessa padella in cui avete rosolato le patate coprite con un coperchio, tenendo a fuoco basso, e fate rapprendere la frittata (per ora questo è). Aggiungete ora le patate, disponetele per bene lasciando un bordo vuoto di 2-3 centimetri e solo ora coprite tutto con le uova sbattute rimaste.

Se avete una padella con il manico da forno, mettete a cuocere in forno per 10 minuti a 160°, se invece la padella ha il manico di plastica (come la mia) rimettete il coperchio e fate cuocere a fuoco basso fino al grado di cottura che preferite. Io l'ho poi servita con una insalata di pomodori, che secondo me (hanno ragione gli spagnoli) ci sta veramente bene.