Scritto da alessandro nasini il 1/23/2013 1:01 PM | Comments (0)

Ci sono volte che la riuscita di una ricetta, la stessa scelta di prepararla, è frutto assolutamente del caso. Questa volta avevo fatto tardi a studio senza avere il tempo di fare la spesa ed ho aperto il congelatore in cerca di ispirazione. Che non era venuta. Messo a scaldare scaldare del minestrone surgelato aveva un'aria davvero troppo triste.

E allora l'ho frullato, allungato con acqua ed un cucchiaino di dado vegetale granulare e riportato a bollore per un paio di minuti. Con del casereccio ho fatto dei crostini a cubetti, li ho saltati in padella con olio d'oliva, sale e pepe (abbondante) e fatti dorare per bene.

Aggiunti alla passata di verdura nella scodella, con una bella grattata di Parmigiano ed un filo d'olio a crudo hanno prodotto un risultato fantastico, da leccarsi i baffi. 

Tags: , , | Scritto da alessandro nasini il 1/22/2013 1:28 PM | Comments (0)

Le orecchiette sono uno dei miei formati di pasta preferiti, anche se non le faccio spesso per via dei tempi di cottura e del fatto che a Roma non è facile trovarne di buone, fresche e fatte a mano. Questa volta ho voluto provarne di quelle secche e non erano male, non buone come quelle pugliesi ma insomma, discrete.

Per la preparazione del condimento ho spellato quattro salsicce di maiale e le ho fatte cuocere in un padella grande fino a metà cottura, schacciandole e rompendole senza aggiungere nulla se non appena un goccio d'acqua. A quel punto ho aggiunto due cucchiai d'olio d'oliva (che si sono mischiati all'unto rilasciato dalle salsicce), due spicchi d'aglio intero, un peperoncino tritato senza semi e delle cime di rape lessate molto al dente. Nel frattempo o messo a bollire le orecchiette in acqua salata abbondante, girandole di tanto in tanto.



Una volta cotte le orecchiette le ho saltate in padella aggiungendo un paio di cucchiaio di acqua di cottura ed ancora un pizzico di peperoncino fresco tritato. 

Tags: , , | Scritto da alessandro nasini il 1/16/2013 10:02 AM | Comments (0)

La scorsa estate, durante una gita in montagna, avevo avuto un buon bottino: due bellissimi funghi porcini giganti: il primo di quasi un kilo ed il secondo di poco più piccolo. Avevo resistito alla tentazione di mangiarli subito e li avevo essiccati. Dimenticandomene completamente. Sere fa ho visto preparare in tv un risotto con i porcini secchi e mi sono ricordato di averli da parte. per al verità temevo si fossero rovinati e invece erano perfetti.

Dalla foto non si può apprezzare ma sono veramente enormi, quasi 20 centimetri di fungo. ne ho preso sette/otto pezzetti e li ho messi a rinvenire in una scodella con acqua appena tiepida. Ho preparato nel frattempo un soffritto di scalogno facendolo imbiondire appena in olio d'oliva e una noce di burro. Ho usato del riso Vianone Nano semilavorato biologico comprato in un mercatino facendolo tostare appena un minuto nel soffritto prima di cominciare a bagnarlo con brodo vegetale granulare. C'è voluto un bel po', il riso resisteva strenuamente alla cottura, ma ne è valsa la pena: il chicco è venuto ben cotto ma perfettamente integro ed appena la dente. A cottura ultimata ho spento il fuoco ed aggiunto un bel pezzo di burro e del parmigiano reggiano.

Ero stato un po' tirchio con i funghi ed invece il sapore era perfetto, bello intenso. Ho ancora funghi per fare il risotto almeno altre tre volte, devo solo ritrovare quel riso e non sarà facile.

Tags: , , | Scritto da alessandro nasini il 1/11/2013 1:16 PM | Comments (0)

Sarà che è un ricordo di quando ero piccolo e del primo viaggio in Sardegna a trovare gli zii ma secondo me l'annurca è la mela più buona che esista.

Ne avevo comprate un po' troppe ed iniziavano a raggrinzirsi un pochino, allora ne ho prese una dozzina, ho tolto il torsolo con lo scavino, ho riempito il buco pressandoci dentro dell'uva passa ed ho coperto il foro con zucchero di canna grezzo. Dopo una decina di minuti che erano in forno a 200 gradi, ho bagnato le mele con un goccino di acqua e cognac e poi rimesse in forno per completare la cottura.

Tags: , , | Scritto da alessandro nasini il 1/11/2013 1:00 PM | Comments (0)

Il giorno prima avevo fatto un brasato al Montepulciano fatto bene, cuocendo al carne quasi tre ore. Di carne non ne era avanzata (buon segno) ma di sugo invece si, circa un bicchiere.

La sera dopo a cena ho lessato del riso Arborio in acqua abbondante, l'ho condito burro e parmigiano macchiando con il sugo del brasato, che ci siamo divisi in quattro. Un successone.