Tags: , | Categorie: Dolci, Pane - Lievitati - Biscotti, Vegetariano Scritto da Alessandro Nasini il 11/23/2015 11:11 AM | Comments (0)

Avevo della zucca violina avanzata che cominciava a rovinarsi in frigo. Con una parte c'ho fatto un pasta zucca e salsiccia, con altri 300 grammi ho deciso di provare a farci dei muffin, usandoli come fossero carote.

Ho sbattuto 6 tuorli con 300 gr di zucchero di canna e montato le chiare a neve separatamente. Nei tuorli sbattuti con lo zucchero ho aggiunto 200gr d'olio di semi di girasole, 200 di yogurt, una bustina di lievito vanigliato per dolci, mezzo cucchiaino di sale ed i 300 grammi di zucca grattugiata. Ho fatto amalgamare bene il composto (ci vuole un po' di pazienza) e poi aggiunte le chiare montate a neve, amalgamando con delicatezza.

Ho versato il composto in degli stampi per muffin ben unti di burro ed ho cotto il forno ventilato a 160 gradi per 40 minuti.

Sono venuti buoni, forse un pochino elastici rispetto alla consistenza classica dei muffin. Non sono venuti dolcissimi; a me piacciono così, ma per palati più amanti delle zucchero consiglio di aggiungerne altri 100 grammi.

Ne ho mangiati alcuni aperti a metà e farciti con della composta di cotogne fatta in casa: irresistibili.
Categorie: Ortaggi - Verdure, Pasta Scritto da Alessandro Nasini il 3/12/2015 10:03 AM | Comments (5)

Buona sempre e comunque: calda, tiepida o persino fredda, estate e inverno. Io la preparo anche partendo dai ceci in scatola ben sciacquati (se non ho ammollato e lessato quelli secchi) facendo prima rosolare il aglio e cipolla oppure scalogno e aggiungendo poi il brodo di verdure abbondante.

I tubetti rigati, quelli non troppo piccoli, secondo me son perfetti perché rimangono al dente e ben interi. La curcuma va aggiunta quando calate la pasta, non prima, un po' abbondante. Un filo d'olio a crudo non deve mancare.
Scritto da Alessandro Nasini il 3/8/2015 9:03 AM | Comments (0)

Sul minestrone saprete certamente già tutto. Ci sono buoni surgelati già miscelati o potete comprarlo fresco e puoi prepararlo come preferite. Io di solito faccio solo un soffritto di cipolla leggero e pi faccio cuocere in pentola a pressione.

Ma quello che secondo me cambia il minestrone da un piatto un po' triste ad un gran piatto sono i crostini. Questa volta li ho fatti con del pane integrale del giorno prima. Basta far scaldare bene in una padella antiaderente dell'olio di oliva (non esagerate) grattandoci dentro del pepe nero ed aggiungendo un pizzico di sale. Appena i crostini saranno ben dorati su tutti i lati, fateli asciugare un istante su della carta per fritti e serviteli con il minestrone insieme a del parmigiano appena grattato. Tutta un'altra storia... 
Categorie: Pasta Scritto da Alessandro Nasini il 3/7/2015 11:03 AM | Comments (0)

Ci sono piatti di recupero che meriterebbero un posto di rispetto anche tra i "piatti di prima" e secondo me le fritatte di pasta rientrano a pieno diritto tra questi.

Io le adoro, in famiglia altrettanto, e spesso "butto" un po' di pasta in più già pregustando il giorno dopo. Questa volta non era pasta ma tagliatelle all'uovo, condite con un normale sugo di cipolla, pomodoro e maggiorana.

Non so, forse le uova venivano da galline particolarmente felici, forse ero particolamente di buon umore io, ma il risultato è stato da applauso. Alle galline, alle tagliatelle e... un pochino pure a me. 
Scritto da Alessandro Nasini il 3/4/2015 11:03 AM | Comments (0)

La primavera è alle porte, in alcune parti d'Italia è già di fatto arrivata, dovete sbrigarvi. Che poi, chissà perché, la polenta è considerata un piatto invernale mentre altri piatti ben più pesanti non lo sono. Misteri.

Quello che mistero non è, è quanto è buona la polenta con il sugo rosso di salsicce e spuntature di maiale. Io la faccio cominciando mettendo in un tegame altro dell'olio d'oliva e facendo rosolare le spuntature. Poi aggiungo un battuto abbondante di cipolla bianca, sedano e carota e faccio andare per qualche minuto, fino a far appassire il battuto.

A quel punto aggiungo i pomodori pelati spezzettati, le salsicce e della maggiorana. Non salo mai fino alla fine, ma dopo qualche minuto assaggio il sugo per controllare l'acidità del pomodoro ed eventualmente correggere con dello zucchero di canna.

Quando ho tempo faccio cuocere coperto tutto il tempo necessario, ma anche in pentola a pressione viene bene. Con il sale regolatevi solo alla fine, assaggiando sia la parte più solida del sugo che la parte oleosa, per non avere sorprese.

Sulla polenta non vi dico nulla: io uso sempre una buona polenta rapida a grana grossa, voi regolatevi secondo il vostro gusto ed il tempo che avete a disposizione. Non dimenticate di grattare del buon parmigiano o del grana per finire il piatto.